Registrazione completata con successo, controlla la tua e-mail per attivare l'account
Crea un'account
Possiedi già un'account?

GREGORI

La scelta di produrre oliva tenera ascolana, è chiaramente legata all’amore per il territorio e per i prodotti della terra che lo rendono famoso. 

GREGORI
Gregori

Tradizione

L’azienda come si presenta oggi, nasce da un progetto ambizioso, partito nel 2009, che allo stesso tempo racchiude in sé la volontà della famiglia Gregori di continuare ad ammodernare la sua attività e di radicarsi ancora di più al territorio. I terreni dell’azienda sono di proprietà della famiglia da quattro generazioni e hanno ospitato negli ultimi sessanta anni principalmente colture cerealicole, vigneti, oliveti e frutteti.
Nel 2009 nasce la necessità di dare un’impronta più moderna e allo stesso tempo locale all’azienda, di conseguenza la decisione di destinare l’intero fondo aziendale alla coltivazione dell’oliva ascolana del piceno DOP, impiantando oltre mille ulivi.

Grazie all’esperienza che ci hanno tramandato i nostri nonni, l’impianto ha un sesto di 7x7 metri per consentire un’ottima aerazione alle piante e un impianto di irrigazione a goccia alimentato da un lago artificiale di raccolta delle acque piovane.

L’ambiziosità e la modernità del nostro progetto, non stanno nell’impianto del giovane oliveto, ma nella realizzazione del laboratorio di trasformazione dell’oliva DOP in salamoia che, con una superficie di circa 400mq., ci consente di chiudere in azienda la filiera produttiva dell’ascolana tenera.

I prodotti

Il riconoscimento da parte degli organismi certificatori nel 2014, ci ha permesso di essere iscritti nell’elenco dei produttori, trasformatori e confezionatori di Oliva ascolana del Piceno DOP; nello stesso anno, il debutto sul mercato con la commercializzazione dell’oliva in salamoia e dell’olio EVO monocultivar di ascolana tenera.

Territorio

Dal 2016, l’azienda amplia i propri terreni olivati arrivando a gestire 2000 piante dislocate nei comuni di: Rotella, Lapedona e Montalto delle Marche. Dalla campagna 2017, sono state sperimentate reti anti-insetto contro la mosca olearia e l’azienda si è dotata di un proprio frantoio.

0 %